Disturbi Specifici dell’Apprendimento

28 novembre 2018 Non attivi Di dott.ssa Tatiana Ruaro

I Disturbi Specifici dell’Apprendimento

Quando un bambino o un ragazzo mostra delle difficoltà isolate e circoscritte nella lettura, nella scrittura e nel calcolo in una situazione in cui non presenta deficit sensoriali, il livello scolastico globale e lo sviluppo intellettivo sono nella norma, si parla di Disturbi Specifici dell’Apprendimento (D.S.A.).

I principali DSA sono
La dislessia (vedi) è un disturbo specifico che si manifesta con una difficoltà a leggere, in particolare nella decifrazione dei segni linguistici, ovvero nella correttezza e nella rapidità della lettura.
La disortografia (vedi) è un disturbo specifico di scrittura che si manifesta con una difficoltà a rispettare le regole ortografiche (doppie, accenti ecc.)
La disgrafia (vedi) è un disturbo specifico di scrittura che si manifesta con una difficoltà nella realizzazione grafica.
La discalculia (vedi) è un disturbo specifico che si manifesta con una difficoltà negli automatismi del calcolo e dell’elaborazione dei numeri.

È frequente che tutte queste difficoltà si manifestino contemporaneamente anziché comparire isolate e spesso si associno ad insicurezze, ansie e paure, sentimenti di scarsa autostima, disagi emotivo-relazionali ecc.

Per aiutare bambini e ragazzi che presentano difficoltà negli apprendimenti e che si sentono per questo mortificati, è importante rivolgersi tempestivamente ad uno specialista in grado di formulare una diagnosi che tenga conto della globalità della persona e, oltre alla valutazione delle capacità cognitive, dello sviluppo del linguaggio e delle abilità nella lettura, nella scrittura e nel calcolo, si dedichi a coglierne le specificità, ogni disagio emotivo e socio-relazionale e le potenzialità. Conseguentemente il professionista deve approntare un progetto di intervento individuale con metodi
e strumenti efficaci per il recupero e il ripristino degli equilibri psico-emozionali e delle abilità apprenditive.

Grazie a nuovi contributi specialistici, lo Studio di Pedagogia offre ai genitori e agli insegnanti l’occasione per lenire sofferenze e incertezze, e agli alunni l’opportunità di superare disagi e difficoltà, conquistare solidità personale e vivere con rinnovata gioia l’apprendere.

Per l’articolo scientifico si ringrazia il prof. Guido Pesci